Il classico innovativo ed etico di Paolo Errico

Da Genova a Milano, passando per una laurea in fashion design: il sogno di tutti che però pochi realizzano. E’ questo il caso di Paolo Errico, giovanissimo ma già passato per le fucine creative di importanti stilisti come Calvin Klein e Versace, il Gruppo Ermenegildo Zegna dove crea le collezioni Agnona, e successivamente Roberto Cavalli. Nel 2003 ad un anno esatto dalla laurea debutta con la sua prima collezione. Chapeau!

Moda architettonica

Le figure geometriche sono la base dell’ispirazione di Paolo Errico: quadrato, cerchio e trapezio. Volumi modulati sulla figura umana partendo da un semplice concetto: indossare i capi in diversi modi invertendo davanti e dietro, sopra e sotto. “In questo modo, con 4 capi ho reso la collezione flessibile e modulabile in 10/12 pezzi”, dichiara.

paolo_errico_0

Il risultato è una collezione ricca, maschile per certi versi, astratta ma adatta ad una donna libera da regole e preconcetti, una pensatrice che indossa senza schemi predefiniti un mix concettuale tra maschile e femminile. E infatti i suoi stilisti preferiti sono Azzedine Alaia, Martin Margiela, Hussein Chalavan, ma anche Karl

Lagerfeld e Prada.

Una donna autorevole, intelligente ma anche etera e creativa, che usa i capi di maglia come una soluzione adatta a tutti i momenti della sua giornata, avvolgendola per metterla in mostra e non solo per proteggerla. Una donna guerriera ma dolce al tempo stesso.

paolo_errico_1paolo_errico_1

Ricerca al di là del design Paolo Errico ama i contrasti per questo la sua ricerca di materiali per le sue collezioni va al di là dei classichi stereotipi della maglieria anche se parte da fibre pregiate: lana, seta, ma anche nylon e cashmere, si fondono in contrasti inaspettati.

Il risultato? Collezioni sempre innovative e multi-dimensionali, per una versione tridimensionale dell’eleganza. Una qualità riconosciuta anche da Carla Sozzani che gli ha permesso di partecipare al progetto N.U.D.E. a Milano, per poi realizzare e commercializzare le sue collezioni.

www.paoloerrico.com

paolo errico la moda etica


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *