Open Baladin Fest 2015: a Torino la birra è viva

L’entusiasmo verso il mondo del luppolo sembra non conoscere confini e fioccano ovunque le manifestazioni dedicate alla bevanda più amata dagli italiani nella stagione estiva: la birra. La seconda edizione dell’Open Baladin Fest è quindi destinata a rinfrescare, e al contempo riscaldare, Torino (precisamente Piazzale Valdo Fusi) dal 29 al 30 agosto, con una serie di eventi culturali e gastronomici non stop destinati a confermare e rilanciare il successo della precedente edizione 2014.

OPEN-BALADIN-FEST

Storie di birra artigianale

Questa volta l’attenzione sarà focalizzata sull’educazione alla birra, in particolare alla birra artigianale non pastorizzata (detta appunto “birra viva”), settore trainante dei nuovi mercati rivolti a intenditori e ad amatori consapevoli che non sembrano più accontentarsi della birretta anonima a buon mercato.

OPEN-BALADIN-FEST-torino

Narratore d’eccellenza sarà Lorenzo “Kuaska” Dabove, l’assaggiatore più noto d’Italia, che saprà intrattenere e raccontare storie, tecniche di produzione e di degustazione e succosi aneddoti legati al mondo beer. A dargli manforte ci saranno alcuni dei migliori birrai italiani, che riveleranno i loro segreti e descriveranno le loro creazioni andando a ricreare l’atmosfera di un vero e proprio salotto di amici appassionati.

Non solo birra: cibi di qualità

Ma se non vi sentite degli intenditori, bensì semplici amanti di rosse e bionde, non avrete da intimorirvi perché a parte tutto il discorso formativo qui avrete un’attrattiva composta da 160 birre vive alla spina, ovvero il Valhalla di qualunque bevitore.

Senza contare che oltre a bere qui si mangia, e si mangia molto bene, merito delle nostre tante delizie regionali come l’ormai notissimo trapizzino romano, i sapori veraci di trippa e lampredotto toscani, le saporite bombette (una speciale varietà di involtini) pugliesi, le rinomate focacce liguri, l’amatissimo gnocco fritto romagnolo, le patate ripiene piemontesi che giocano in casa e gli hamburger di qualità direttamente preparati da Open Baladin (il tutto in collaborazione con Slow Food e Slow Food Youth Network).

OPEN-BALADIN-FEST-

Se invece il vostro cuore foodie si scioglie per i gelati, cosa c’è di meglio in questo contesto del Pinguino alla Birra Open White, o del sorbetto Cola Baladin realizzati da Gelati Peppino 1884?

Due giorni di musica, arte, skate

E poi, per smaltire tanto ben di Dio in questi due giorni ci saranno un sacco di attività artistiche e sportive degne di nota, come ogni festival che si rispetti. La musica trascinante della brass band acustica incendierà gli stand insieme al dj set curato da Cocina Clandestina, mentre gli amanti dello skating potranno assistere a contest di vario tipo (in particolare la sfida Best Trick alle 18 di domenica) e partecipare a corsi di avvicinamento a questa disciplina rivolti in particolar modo ai più piccoli.

E poi, sempre domenica, un coloratissimo graffiti live painting su muri provvisori di cartone, tutto dedicato al tema birra per esprimere con forme e colori l’amore per la regina del dissetamento.

Di sicuro, se siete in Piemonte a fine agosto, non potete assolutamente ignorare questo evento, perché anche se l’estate volge purtroppo al termine noi siamo bravissimi a non crederci mettendo la testa sotto la sabbia, anzi, sotto al boccale!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *