5 sport acquatici estremi da provare

Tuffarsi da altezze impensabili, volare o correre sull’acqua, ma anche nuotare al fianco dei pesci nel blu del mare: questo e altro si può fare d’estate, stagione prediletta dagli amanti degli sport estremi che anche quest’anno si sono fatti largo in giro per il mondo animando le vacanze di turisti in cerca di emozioni forti.

Non si tratta, intendiamoci, di discipline particolarmente rischiose a patto che i praticanti si attengano alle poche ma fondamentali regole di buon senso prescritte dagli ideatori di tali varianti del nuoto e dello sci acquatico ormai entrati nel novero degli sport di tendenza dei mesi estivi.

Uno dei più amati del momento, grazie all’affascinante spettacolo offerto dai salti dentro e fuori dall’acqua dell’uomo-delfino proiettato su e giù dal potente propulsore collegato a una moto d’acqua, è il Flyboard che spesso conquista la scena delle migliori spiagge della Spagna, come testimoniato dai numerosi video presenti sul web con le esibizioni di appassionati di vario livello alle prese coi giochi acrobatici in stile “Ultraman”.

flyboard

Sport estivi, che passione!

Simile l’impianto dell’Hoverboard, basato sulle piroette in volo a bordo di uno skate in grado di far balzare il suo “ospite” verso l’alto fino a tre o quattro metri dal livello del mare, in una sorta di cavalcata-show davvero adrenalinica da affrontare col fiato sospeso dall’inizio alla fine.

Fedele compagno di esibizione, nell’era della tecnologia ai massimi livelli applicata a ogni attività sportiva anche in acqua, l’immancabile supporto per riprese in immersione (vedi alla voce GoPro) che garantisce ricordi emozionanti immortalati in real time passo dopo passo per poi puntualmente finire su Youtube e nei meandri del social dove gli “spot” di tali discipline funzionano a meraviglia.

hoverboard

Il Jetlev-Flyer invece permette meno acrobazie e sfrutta lo spesso meccanismo per la propulsione, essendo un parente stretto del Flyboard, con il vantaggio però di consentire una non proprio comoda e tranquilla camminata sulla superficie del mare o del lago scelto per la gara o l’allenamento.

jetlev-flier

Dal Flyboard al Blob Jumping, i giochi “di tendenza” della stagione estiva

Qualche precauzione in più rispetto agli altri giochi estivi di simile natura è necessaria a chi pratica il “Subwing”: una tavola di grandi dimensioni “cavalcabile” sott’acqua e dotata di appigli per il comando manuale si collega al mezzo in superficie, permettendo allo sportivo di restare immerso in prossimità dei fondali o a diversi metri di profondità gomito a gomito coi pesci, spesso ad alta velocità con tutti i rischi (limitati, purché non si esageri con l’improvvisazione) del caso.

subwing

Il pieno di adrenalina è garantito poi dal Blob Jumping, uno sport riassumibile col celebre slogan “per molti ma non per tutti”, praticabile soltanto in presenza di condizioni ideali dal punto di vista logistico e da evitare in caso di mezzi inadeguati o spazio insufficiente allo svolgimento dello spettacolo.

Guardando uno dei tanti filmati sulle performance dei vari tuffatori, si capisce quanto possa essere pericoloso farsi sbalzare in aria dalla piattaforma gonfiabile azionata dal compagno di gioco senza avere decine di metri di superficie per l’atterraggio dopo il volo.

blob-jump

[VIDEO1]

 

[Fonte foto: Youtube, Twitter @godders45, @TripOrganizerGr, @ju2cho7]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *