Quello che dovete ancora visitare a Berlino

Ci sono poche città al mondo che si trasformano profondamente da stagione a stagione come Berlino. L’inverno, con i suoi giorni e le notti fredde senza luce, lascia il posto a quattro mesi di rinascita. La cultura dei cafè si riversa in graffiti, i parchi si riempiono di techno dj, nudisti e famiglie riunite in picnic. Nell’ultimo decennio la città è diventata una calamita per turisti, Berlino rimane un luogo per persone eccentriche e libertine dove scattare foto in pubblico è spesso più tabù di fumare uno spinello, e dove la gente raramente ti chiede ‘’cosa state facendo?’’’.

Guida alternativa a Berlino

Berlino e i suoi 122 miglia di corsi d’acqua nel centro città si trasformano in vie affollate di kayak, imbarcazioni turistiche e zattere. Un’ora di tour in barca di inizio e fine al molo Hauptbahnhof, permette di attraversare il centro storico della città, mentre ci si rilassa con brezel e birra. Si passa il Reichstag, Parlamento tedesco, una volta bruciato dai nazisti e poi bombardato dagli Alleati; il vecchio confine alla stazione di Friedrichstrasse conosciuto come il Tränenpalast (Palazzo delle lacrime), dove i tedeschi dell’Est mandavano addii dolenti ai loro visitatori occidentali e infine l’Isola dei Musei, che ospita grande collezione della città dell’antichità.
Berlino fiume Spree
Ogni martedì e venerdì, il mercato turco si estende lungo un tratto del canale Landwehr nel quartiere “Kreuzkölln”, dove la vecchia area della sinistra-bohémien di Kreuzberg incontra Neukölln, una zona molto popolata da immigrati turchi, curdi e arabi.

I residenti scendono nei giorni di mercato per acquistare spezie e tessuti, l’artigianale liquirizia olandese; il quark, aromatizzato con rabarbaro. In seguito, attraversate il ponte Kottbusser per una visita ad Hard Wax, un negozio di dischi dei DJ che alimentano la scena della musica elettronica della città.
Prendete un drink esotico al Le Croco Bleu, un cocktail bar sbarazzino che ha aperto nel 2013 nell’ex stanza cavernosa della costruzione quattrocentesca Bötzow Brewery di Prenzlauer Berg. lampadari di cristallo a goccia, tubi a vista, macchinari in disuso, vetrine di liquori invecchiati fanno parte del suo arredo. Ma i cocktail sono la specialità: mescolato con precisione alchemica, potrete assaggiare drink stuzzicanti come il Principe di Galles, un inebriante mix di Pierre Ferrand 1840 Cognac, Secco Arancione Curaçao, DOM benedettino e Champagne.

Nel 2009, un gruppo di giardinieri ambiziosi ha cominciato a gestire un terreno abbandonato a Kreuzberg e ha iniziato la sua trasformazione in impresa sociale-urbano-agricola, Prinzessinnengarten, che è oggi una delle più belle aree verdi della città.

Potete trovare un ristorante con giardino alberato, un bar, un centro di riciclaggio e spazi per seminari ed eventi della comunità, come ad esempio una recente collaborazione con un’organizzazione di rifugiati le cui proteste contro la politica di asilo tedesco hanno spinto la questione nell’occhio pubblico.

Il Planet Modulor, comprende una libreria, una caffetteria e uno studio di stampa in 3D che trasformerà il vostro snapshot in una scultura fotorealistica.

berlino-3
Fame, un ristorante all’interno di un impianto di stoccaggio ferroviario che si protende sulla Sprea, è la nuova area dietro il techno club di Bar25, legata alla scena notturna degli anni 2000.  L’estetica elettronica e la terrazza al bordo dello Spree valgono una visita. Il menu rotante presenta piatti come polenta con mascarpone crudo marinato agli asparagi, oltre al filetto di manzo argentino al vino rosso.

Il prezzo di una cena per due con bevande è di circa 100 €. Il sito del ristorante è fame.katerschmaus.de

In seguito, potete andare a Kater Blau o un qualsiasi altro club che costeggia le sponde del fiume da Friedrichshain a Kreuzberg.

Stefania Colombo per GetYourGuide

Immagine in evidenza da Flickr: https://www.flickr.com/photos/61508583@N02/10873521956


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *