Cosa fare a Capodanno, 10 tradizioni davvero strane in giro per il mondo

Cosa fare a Capodanno? Questa è la domanda che dall’inizio dell’autunno fino al 31 dicembre sentiamo ripetere ovunque.

Sapere dove andare l’ultimo dell’anno è una richiesta ancora più difficile da esaudire perché di solito nessuno ama fare le stesse cose e andare nei soliti posti. In questo Internet può essere d’aiuto, a patto di non affidarsi agli itinerari più battuti e alle mete più banali.

Per questo noi andiamo controcorrente e vi proponiamo 10 tradizioni di Capodanno davvero strane che troverete in giro per il mondo.

Scegliete dove andare in vacanza, fatevi tentare dalle usanze più assurde per celebrare l’anno nuovo!

Scozia

Stonehaven capodanno in scozia

A Stonehaven, un borgo a sud di Aberdeen, sulla costa nord-orientale della Scozia, si usa far dondolare delle enormi palle infuocate appese a lunghe aste metalliche, ognuna delle quali richiede l’impiego di molti uomini per essere trasportata, lungo High Street.
L’origine è presumibilmente legata al Solstizio d’Inverno, poiché palle di fuoco simboleggiavano il potere del sole.

Messico

Capodanno in Messico

Se siete amanti dei viaggi e vi trovate in Messico per Capodanno allora prendete una valigia vuota e portatela con voi al veglione. In Messico e altri paesi del Sudamerica questo è di buon auspicio per l’anno che verrà.

Danimarca

Capodanno in Danimarca

In Danimarca la vigilia dell’1 gennaio si lanciano piatti, bicchieri e altre stoviglie contro la porta del vicino di casa. La mattina seguente, chi fuori dalla propria abitazione ha più oggetti rotti è considerato il più fortunato.

Canada

Capodanno in Canada

Il tuffo di Capodanno è una tradizione diffusa in diverse parti del mondo, perciò non è particolarmente bizzarra, sebbene richieda una dose di coraggio non indifferente.
Noi suggeriamo il Canada come destinazione per l’1 gennaio, perché qui sono molto popolari i “Tuffi dell’Orso Polare” (Polar Bear Plunges). Gruppi di persone si riuniscono vicino a laghi o fiumi e si tuffano in costume, dei veri temerari!

Siberia

Capodanno in Siberia

Usanza siberiana alquanto bizzarra: ci si immerge nel lago ghiacciato Baikal, dopo aver praticato un foro nella lastra di ghiaccio, e il tuffatore porta con sé un tronco d’albero. Naturalmente è una tradizione che solo i russi più allenati sono in grado di seguire.

Romania

Capodanno in  Romania

Per festeggiare l’ultimo dell’anno in alcune zone della Romania ci si traveste da orso bruno, si entra nelle case e si danza per scacciare via il malaugurio, augurando felicità e prosperità.

Spagna

spagna

Credo sia una delle tradizioni più famose al mondo, ma vale sempre la pena di provarla. Durante “nochevieja“, il 31 dicembre, si mangiano dodici chicchi d’uva seguendo i rintocchi di campana che segnano la mezzanotte.

Chi riesce a mangiare tutti i chicchi d’uva in tempo avrà un anno ricco di ogni fortuna.

Cile

cile

La tradizione locale è un po’ macabra: i cileni, infatti, aspettano l’arrivo del nuovo anno vicino ai propri cari scomparsi, cioè al cimitero. In realtà quest’usanza è diffusa soprattutto a Talca, qui molte persone trascorrono la notte accanto ai propri defunti, fino all’alba.

Sudafrica

sud-africa

La tradizione sudafricana è molto simile a quella italiana (o meglio, a quella del passato), infatti a Johannesburg si gettano dalla finestra mobili vecchi come buon auspicio per l’anno venturo.

Finlandia

finlandia

Per Capodanno nella terra di Babbo Natale bisogna prendere una lattina, farla sciogliere, versarla in un mestolo a forma di ferro di cavallo, e farla raffreddare subito dopo con acqua fredda.
La forma che prenderà sarà interpretata come previsione per il nuovo anno.

Un cuore o un anello significa matrimonio, una nave preannuncia possibili viaggi, una forma simile a un animale significa abbondanza.

Avete qualche tradizione speciale che seguite il primo giorno dell’anno?

Condividetela con noi sulla nostra pagina Facebook!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *