I migliori visori per la realtà virtuale in arrivo

Se fino a qualche anno fa la realtà virtuale ce la immaginavamo come un traguardo tecnologico lontano nel tempo, visti gli ultimi progressi abbiamo dovuto (con piacere, s’intende) ricrederci. A partire da Oculus (recentemente acquistata da Facebook), sempre più aziende hanno iniziato a investire in questo tipo di tecnologia e a sviluppare prototipi di visori per la realtà virtuale. Certo, ci sono anche aspetti negativi, come la “motion sickness” (senso di nausea dopo l’uso prolungato di un visore), ma la realtà virtuale non ha ancora raggiunto i mercati in maniera diffusa, e c’è ancora margine di perfezionamento.

Il 2016 sembra essere l’anno d’oro, visto che molti dei prototipi progettati e presentati al grande pubblico nei mesi scorsi saranno disponibili per l’acquisto da quest’anno. E così siamo anche in grado di stilare una classifica di quali sono i prodotti da tenere d’occhio se si è appassionati di tecnologia, ma anche se si è semplicemente curiosi dei progressi in corso nel settore della realtà virtuale che, siamo sicuri, rappresenta il futuro.

Dispositivi come Oculus Rift e Project Morpheus di Sony sono orientati a cambiare radicalmente l’esperienza di gioco su pc e console, mentre altri visori come il Gear VR di Samsung lavorano con gli smartphone, trasformandoli in schermi per vivere l’esperienza della realtà virtuale.

Ecco i modelli più interessanti in arrivo.

Oculus Rift

Nato per il gaming su pc, l’Oculus Rift è stato recentemente acquistato da Facebook, il cui fondatore Mark Zuckerberg ha dichiarato di essere molto esaltato dall’idea di lavorare per un progetto che rappresenta il futuro così come è stato per internet e smartphone anni fa. Attualmente, l’Oculus Rift è disponibile come kit di sviluppo, quindi non ancora accessibile a tutti. Lo sarà dal prossimo agosto, al prezzo di 599 dollari. Per maggiori informazioni, questo è il sito ufficiale.

Ecco un video di una session di gioco con Oculus Rift:

Vive

Il Vive nasce da una collaborazione tra HTC e Valve, e sembra avere tutte le carte in regola per posizionarsi come validissimo concorrente dell’Oculus. Se non altro per i partner già confermati che forniranno contenuti esclusivi a Vive: parliamo di Lionsgate, HBO, Google e Valve. Se la base di partenza per il Vive è il gioco, le intenzioni dell’azienda sono di ampliare il campo di utilizzo anche a educazione e didattica. Disponibile da giugno a 899 euro. Questo il sito ufficiale.

Video di presentazione della tecnologia del Vive:

Project Morpheus

Questo visore VR (Virtual Reality) è stato progettato da Sony esclusivamente per PlayStation 4. È uno dei pochi visori pensati solo per utenti di console. Tuttavia, dalle prime indiscrezioni le impressioni sembrano essere davvero promettenti. Se non altro, perché Project Morpheus darà la possibilità agli utenti anche di giocare a titoli non pensati per la realtà virtuale, attraverso una modalità cinematica. Sarà disponibile dalla prossima estate a 399 dollari. Tutte le altre informazioni disponibili sul sito ufficiale.

Samsung Gear VR

Il visore per eccellenza quando si parla di realtà virtuale in riferimento ai dispositivi mobile è sicuramente il Gear VR di Samsung. Pensato per chi possiede un Galaxy S6 o S6 Edge (o, fra poco, un S7 e S7 Edge), Gear VR trasforma lo smartphone in un vero e proprio display immersivo. Sebbene non ci siano ancora titoli entusiasmanti compatibili con le funzionalità del visore, quelli presenti (Imangi Studios, Cirque du Soleil, Marvel Entertainment) lasciano ben sperare a future partnership di maggior spessore, anche perché è co-sviluppato da Oculus. Sarà disponibile a breve a 129,99 euro. Questo il sito.

Razer OSVR

L’acronimo OSVR sta per Open Source Virtual Reality. Come si intuisce dal nome, il fatto che questo visore sia Open Source consente customizzazioni senza limiti. I creatori di contenuti, infatti, possono scaricare il software e gli schemi necessari per realizzare il proprio personale visore OSVR, contando su un eccezionale supporto per gli sviluppatori da parte del gruppo, con nomi come Leap Box, Ubisoft o Gearbox Entertainment. Il kit per gli sviluppatori è disponibile sul sito ufficiale a 349,99 euro.

realtà virtuale razer osvr

Sulon Q

Questo visore unisce le esperienze della realtà virtuale a quelle della realtà aumentata, ovvero il “potenziamento” del mondo intorno a noi, ad esempio mostrandoci indicazioni di navigazione sulla strada che stiamo percorrendo. Il Sulon Q, infatti, ha dei sensori di rilevamento della posizione che permettono di usare i gesti senza avere un cotroller. Inoltre, può eseguire una mappatura della stanza in cui vi trovate per rendere l’esperienza di gioco unica. Inoltre, sfruttando la tecnologia cloud per archiviare i contenuti, gli utenti potranno giocare senza doversi collegare per forza a un pc. Sarà disponibile a breve. Per tutti gli aggiornamenti, visitate il sito ufficiale.

Merge VR

Colori vivaci e grande versatilità, uniti a un prezzo davvero competitivo, fanno del Merge VR un visore molto interessante. Offre esperienze sia di realtà virtuale che di realtà aumentata ed è compatibile sia con sistemi Android che iOS. Versatilità anche in ottica di dimensioni dello smarthpone, poiché questo visore si adatta perfettamente sia a dispositivi di piccola taglia come l’iPhone 5 (o il nuovo SE), sia con quelli più grandi come l’iPhone 6 Plus. È possibile ordinarlo sul sito ufficiale all’eccezionale prezzo di 99 dollari.

Appassionati di tecnologia o no, il mondo della realtà virtuale non può essere ignorato, a maggior ragione visti gli investimenti in tempo, soldi e risorse che le aziende stanno facendo da pochi anni. Il settore dei giochi è solo l’inizio, forse in un futuro non troppo lontano potremo partecipare a una riunione in prima persona restando a casa, o potremo vedere un film al cinema come se l’avventura la stessimo vivendo noi stessi. Non resta che rimanere in attesa!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *